Storia

Il momento in cui "La collina arrotondata"...

"Cagnes" è un nome d'origine ligure che significa  " luogo abitato su una collina arrotondata ".
Questo sperone roccioso che culmina a 91 metri d'altitudine, in prossimità di un fiume e di terre fertili,  rappresentava per i  nostri antenati  un punto di osservazione ideale ed un baluardo di difesa contro eventuali attacchi.

Questo luogo fu dapprima occupato dai  celto-liguri ed in seguito dai gallo-romani.

Nel  1388, il fiume Var  diventa la frontiera naturale fra la Contea di Provenza ed il Paese Nizzardo il quale si sottomette all'autorità dei Conti di Savoia. Cagnes, che conta all'incirca 1 200 / 1 500 abitanti, diviene città-frontiera sul passaggio del Var.
Quando la Provenza si unisce alla Francia nel 1483, Cagnes diviene città frontiera sull'unica strada  che conduce in  Francia dagli stati di  Savoia.
A partire dal XVI secolo, questa zona di frontiera viene sovente saccheggiata.

Cagnes conosce il suo periodo più glorioso  sotto il regno di  Luigi XIII, epoca in cui  la sua roccaforte è trasformata da  Jean-Henri Grimaldi in una fastosa dimora signorile.

All'epoca della Rivoluzione Francese, nel 1790, Cagnes non supera i  1 388 abitanti ,per  la maggiorparte  contadini che vivono della coltura della vite, dell'ulivo, della canapa e della frutta.

 



... diventa "La Montmartre della Costa Azzurra !

Agli inizi del  XX secolo, quando Renoir viene a stabilirsi nella nostra città, Cagnes è il capoluogo del cantone e conta  circa 3 000 abitanti.
Attratti dalla celebrità del Maestro impressionista , molti artisti, verranno a stabilirsi in questo borgo pittoresco sopranominato  "Le Montmartre della  Costa Azzurra", che continuerà ad attrarre celebrità del mondo dell'arte e dello spettacolo fino agli anni 60.

Fra i più celebri segnaliamo , Pierre Auguste Renoir, Chaim Soutine, Foujita, Yves Klein, Georges Simenon , Mouloudji , Suzy Solidor ,Georges Ulmer e Brigitte Bardot...